fbpx

Padel indoor: vantaggi e peculiarità

28.09.2022

padel indoor

Quella per il padel è una passione in continua crescita, come abbiamo già sottolineato, che non si ferma in nessuna stagione. Con l’arrivo dei primi freddi, sale la ricerca di strutture indoor in cui praticare la disciplina senza interruzioni o contrattempi dovuti al maltempo. Le strutture indoor per  il padel presentano sicuramente dei vantaggi rispetto a quelle outdoor, ma non solo nel periodo invernale. Non a caso, parallelamente alla crescita dei campi da padel in Italia, aumentano sempre di più anche le strutture coperte: come riportato sul sito mrpadelpaddle.com, attualmente i campi in Italia sono oltre 6.600, di cui 2.027 indoor, in forte crescita rispetto ai  poco più di 1.100 di ottobre 2021. 

In questo articolo cerchiamo di analizzare meglio le differenze fra padel indoor e outdoor e i vantaggi derivanti da entrambi. 

 

Padel indoor o outdoor? 

Il padel è una disciplina che si può praticare al coperto come al chiuso. Ogni opzione comporta dei vantaggi e degli svantaggi, sia dal punto di vista dei gestori dei campi, sia dal punto di vista dei giocatori. 

Cominciamo parlando prosaicamente dei costi per i gestori: solitamente la costruzione di un campo outdoor richiede un investimento economico minore, ma ragionando sul lungo termine un campo indoor potrebbe risultare più redditizio. Considerando che in Italia si hanno in media più di 80 giorni di pioggia l’anno, e che in queste condizioni i campi all’aperto non vengono usati, è comprensibile perché, da questo punto di vista, i campi indoor risultino più vantaggiosi. Bisogna inoltre tenere presente che, dopo un acquazzone, il campo potrebbe non essere immediatamente praticabile a causa del tappeto bagnato, il che comporterebbe la perdita di altre ore o giorni di possibile utilizzo. Tutto questo ha anche un’altra conseguenza: non garantire una continuità di gioco, soprattutto nei mesi autunnali e invernali (ma anche in quelli più torridi), può portare alla mancata fidelizzazione del cliente, un fattore importantissimo soprattutto per una disciplina relativamente nuova come quella del padel. 

Altro punto da considerare quando si gestisce un campo da padel riguarda i costi di manutenzione: se da una parte è vero che un campo al chiuso comporta delle spese per quanto riguarda il riscaldamento e il condizionamento (che però non sono di certo obbligatori, soprattutto nel centro sud Italia), d’altro canto non bisogna tralasciare il fatto che una pista al chiuso solitamente si conserva meglio, dato che non è colpita dai vari agenti atmosferici. 

Sta quindi al gestore valutare se risparmiare in fase di costruzione o optare per un investimento a lungo termine. Ricordiamo che optando per una tensostruttura anziché per una struttura in muratura i vantaggi sono evidenti:

  • permessi molto più agevoli
  • fondazioni light
  • costi di molto inferiori
  • tempi di montaggio pressoché immediati
  • decine di accessori per impreziosire l’arena 
  • piena libertà progettuale (larghezze senza ingombri >60 m)

 

La scelta di installare una tensostruttura Favaretti ti permette di avere tutti i vantaggi di un club indoor, seppur con una copertura leggera, economica, flessibile e con decine di accessori disponibili. È importante ricordare che le tensostrutture, come i campi o qualsiasi altra costruzione, devono essere progettate nel pieno rispetto delle NTC2018 (le norme tecniche sulle costruzioni) per quanto riguarda la resistenza a carichi neve, vento e sisma, e devono essere fornite con relazione di calcolo firmata da ingegnere abilitato. 

Molto spesso capita di vedere strutture a copertura di campi da padel progettate come fossero opere temporanee e itineranti (come gazebo per sagre o eventi temporanei, appunto), quindi senza alcuna capacità di resistere al vento o alla neve. Ovviamente una scelta simile, dettata dai costi minori ma a totale discapito della sicurezza dei fruitori, non può che portare a grossi inconvenienti per il club e il gestore.

 

Differenze fra indoor e outdoor: altezza del campo da padel al chiuso

Prima di addentrarci nei vantaggi della pratica indoor o outdoor del padel, è bene ribadire che fra le due varianti non ci sono sostanziali differenze dal punto di vista del regolamento di gioco, che rimane invariato in entrambi i casi. Una regola da rispettare che - ovviamente - troviamo solo nella pratica all’aperto e non in quella al chiuso riguarda l’altezza del campo, che non deve mai essere inferiore ai 7 metri al centro del campo (6 metri ai lati).

 

Padel indoor: vantaggi e svantaggi

Fattori atmosferici

Entriamo ora nello specifico dei vantaggi del padel al chiuso: il primo a cui si pensa riguarda sicuramente la possibilità di giocare senza i contrattempi causati da agenti atmosferici avversi. La pioggia, in primis, che impedisce materialmente di giocare, ma non solo: come nel tennis, il vento può influire sulla traiettoria della pallina, rendendo gli scambi più difficoltosi. Anche l’umidità tipica delle mezze stagioni limita pesantemente l’utilizzo dei campi da padel: i vetri appannati e il tappeto umido appesantiscono la pallina rendendo il gioco impossibile. Un nemico dei giocatori è sicuramente il freddo, che quando diventa pungente non invoglia di certo a a giocare, ma anche il caldo può essere un deterrente non meno potente: con le torride temperature estive giocare a padel all’aperto può essere difficoltoso.

In conclusione, se è vero che giocare all’aperto può risultare molto piacevole quando le condizioni atmosferiche sono favorevoli, è altrettanto vero che un campo indoor ci permette di giocare sempre e comunque, con continuità e ogni qualvolta ne abbiamo voglia. Allo stesso tempo la scelta di installare una copertura consente al gestore del club di dare continuità al lavoro per 365 giorni all’anno.

Gioco e strategia

Giocare in una struttura aperta o chiusa può avere delle ripercussioni anche a livello di gioco, soprattuto per quanto riguarda il “lob”, ossia il pallonetto. Giocando all’aperto non abbiamo limiti in termini di altezza, e questo può facilitare la pratica di questa tecnica. D’altro canto il sole alto sul campo può costituire un impedimento quando si effettua un lob, problema che invece non si pone in un campo al chiuso con un’illuminazione artificiale studiata ad hoc. 

 

Tipologie di campi indoor

Come accennato, realizzare un campo al chiuso può significare costruire una struttura in muratura o avvalersi di una tensostruttura. Favaretti Group può seguirti in tutte le fasi della realizzazione di un campo da padel completo, dall’analisi di fattibilità agli accessori, consigliandoti la soluzione migliore per la tua attività. 

 

Condividi: