Caricando il contenuto Il caricamento dipende dalla velocità della tua connessione

Risparmio energetico nelle piscine

Panoramica

Le piscine pubbliche consumano grandi quantità di energia. I gestori/proprietari italiani spendono milioni di euro ogni anno per riscaldare le piscine. Gran parte di questa energia è spesso sprecata ma si può salvare con una corretta gestione. Tale spreco contribuisce anche ad aumentare i gas serra nell’atmosfera. L’EERE (Energy Efficiency and Renewable Energy) del Dipartimento dell’Energia americano è un programma nazionale che risponde alle necessità di tutti i gestori nell’addottare misure per ridurre i costi energetici di una piscina.

Come perdono calore le piscine?

Le piscine perdono calore in molti modi, ma l’evaporazione è di gran lunga la causa principale tanto che, se comparate a questa, tutte le altre possono essere considerate piccole perdite. La ragione per cui l’evaporazione ha un tale impatto è che richiede enormi quantità di energia. In base alle informazioni del EERE, occorrono 0.001163 kW/h di energia per innalzare di 1°C un litro di acqua, mentre ogni litro di acqua alla temperatura di 27°C che evapora spreca 1.218 kWh di energia.

Grafico perdida calore

 

Piscine coperte

Il grafico illustra l’incidenza dell’evaporazione sul consumo totale di energia di una piscina coperta. Confrontando lo stesso fenomeno in una piscina all’interno e una all’esterno, l’evaporazione totale cambia, ma non la percentuale della stessa. Le piscine coperte non sono soggette agli sbalzi termici tipici di quelle all’aperto ma, pur non essendo sottoposte all’azione dei venti che portano il calore altrove, richiedono l’installazione di camere di ventilazione per il controllo interno dell’umidità derivante dall’evaporazione. Senza un adeguato sistema di ventilazione, gli alti livelli di umidità interna provocano numerosi problemi, tra cui la condensa sulle superfici fredde che rovina irreparabilmente i componenti strutturali. L’energia necessaria per gestire un adeguato sistema di ventilazione si aggiunge ai già elevati costi di funzionamento di una piscina. Inoltre, l’aria ventilata, deve essere necessariamente condizionata comportando un ulteriore incremento della spesa.

Piscine all’aperto

Il grado di evaporazione in una piscina esterna varia a seconda di diversi fattori: la temperatura dell’acqua, la temperatura dell’aria, l’umidità’ e la velocità del vento. Più saranno elevate la temperatura della piscina e la velocità del vento e bassa l’umidità’, più alto risulterà il grado di evaporazione.
L’escursione termica tra giorno e notte poi, causa un drastico abbassamento della temperatura dell’acqua.

Perché coperture isotermiche?

Poiché l’evaporazione è la principale causa di perdita di calore per tutte le piscine, per ridurre al massimo tale spreco è indispensabile coprirla. Coprire le vasche con una copertura isotermica quando non è in uso è il sistema più efficace per ridurre le spese di riscaldamento. Le numerose installazioni effettuate ci permettono di assicurare un risparmio annuo medio del 35/40% sui costi di gestione.

Tipi di coperture

La decennale esperienza di Favaretti Srl permette alla clientela di scegliere svariate soluzioni di copertura ed avvolgitori.

Coperture isotermiche a bolle d’aria: normalmente fatte di polietilene possono essere trasparenti o opache. Sono le coperture più economiche. Sono simili al materiale da imballaggio ad eccezione del fatto che sono prodotte con spessori di molto maggiori e sono protette contro UV, cloro, ecc.

Coperture isotermiche a schiuma multistrato: Sono fatte con una schiuma di polietilene a cellula chiusa rivestita, nella parte superiore, da una spessa raffia di polietilene armato e, nella parte inferiore, da un sottile film trasparente. Sono più pesanti e robuste di quelle a bolle d’aria e hanno una maggiore aspettativa di vita. Garantiscono, inoltre, un isolamento maggiore.

Quando usare le coperture

Affinché la copertura funzioni a dovere, e voi possiate beneficiare degli importanti benefici in termini di risparmio energetico, si consiglia di coprire sempre la vasca durante le ore notturne e quando non in uso.(indipendentemente che sia indoor o outdoor).

Altri benefici

Le coperture forniscono molti altri vantaggi oltre all’enorme risparmio di energia:

  • Riduzione dell’utilizzo di energia elettrica (aspiratori/deumidificatori possono essere spenti durante le ore notturne)
  • Riduzione del consumo di additivi chimici del 35-60%
  • Risparmio idrico, riducendo del 30-50% la quantità d’acqua necessaria per ripristinare il livello ottimale della piscina
  • Riduzione dei tempi per la messa in temperatura dell’acqua (dopo soste prolungate)
  • Riduzione di costi e tempo per la pulizia
Versione su mobile: Abilitato